© Юрий Бартенев, www.fotolia.com

Cavalli

Cavalli

Ulteriori informazioni sui nostri servizi per cavalli (prezzi ecc.) sono disponibili su richiesta all`indirizzo
genlab@tzfgen-bayern.de

Test della discendenza
Con il test della discendenza vengono analizzati 15 marcatori genetici standardizzati a livello internazionale di una sequenza di DNA.
Il test comprende la produzione di una mappatura del tipo di DNA dei campioni sottoposti a test, il confronto con i profili del DNA dei genitori (se testati nel nostro laboratorio oppure se è disponibile una mappa internazionale del tipo di DNA, ad es. emessa da un laboratorio italiano di genetica), nonché l’archiviazione dei risultati nella nostra banca dati.
Vari test del colore
Agouti
Il gene chiamato Agouti controlla la distribuzione del pigmento nero del pelo sulla superficie del corpo del cavallo. L’allele A dominante riduce la percentuale di pelo nero su criniera, coda ed estremità inferiori, mentre l’allele A recessivo comporta una distribuzione uniforme del pigmento nero su tutto il corpo.

Fattore del rosso
Il gene Extension detto anche gene del fattore rosso controlla la formazione di pigmento nero e/o rosso del pelo. L’allele E dominante porta alla formazione di pigmento nero, mentre l’allele e recessivo comporta la formazione di pigmento rossiccio del pelo. Cavalli con percentuale nera di pelo sono portatori dell’informazione ereditaria di almeno un allele E dominante. Quelli che non sono portatori di nessun allele e (= EE), non generano, a prescindere dal partner di monta, nessuna discendenza con colorazione rossiccia del pelo.

Dal concorso di Agouti e Fattore del rosso si hanno le seguenti combinazioni:

Aspetto esteriore Possibile genotipo Possibile discendenza
sauro eeaa con accoppiamento con
morelli nessun baio come discendenza
eeAa possibili tutti i colori del mantello
eeAA nessun morello possibile
baio EEAA nessun morello e sauro possibile
EEAa nessun sauro possibile
EeAA nessun morello possibile
EeAa possibili tutti i colori del mantello
morello Eeaa possibili sauri
EEaa solo morelli

Grey (grigio)
Con l’avanzamento dell’età del cavallo, il gene Grey (grigio) comporta una depigmentazione progressiva del manto. I portatori di questo gene assumono quindi prima o poi e più o meno un colore completamente bianco. In seguito all’informazione ereditaria dominante, la colorazione grigia si verifica sia negli animali omozigoti che in quelli eterozigoti.

Il referto del test del gene Grey viene comunicato nel seguente modo:
N/N = nessun gene Grey comprovato
G/* = gene Grey comprovato, cavallo bianco eterozigote o omozigote

Importante: Il test offerto attesta solamente la presenza del gene Grey. Con tale test NON si può appurare se il cavallo bianco è omozigote o eterozigote.


Patologie ereditarie
CA (Abiotrofia cerebellare)
Patologia neurologica del purosangue arabo, di carattere ereditario autosomico recessivo. I puledri colpiti si presentano dopo la nascita ancora sani, ma con l’avanzamento dell’età mostrano una serie di manifestazioni di carenza neurologica come ad esempio disturbi di equilibrio, atassia oppure disturbi nell’orientamento spaziale. Gli animali ammalati si possono utilizzare solo in modo limitato e a causa dell’aumento del rischio di infortuni e ferite devono essere spesso sottoposti a eutanasia.

Il referto del test CA viene comunicato nel seguente modo:
N/N = Non-Carrier (non portatore)
N/CA = Carrier (portatore)
CA/CA = Affected (affetto)

SCID (Severe combined immunodeficiency = Grave immunodeficienza combinata)
Patologia da immunodeficienza del purosangue arabo di carattere ereditario autosomico recessivo, che nei cavalli malati provoca gravi patologie infettive che portano per lo più alla morte.

Il referto del test SCID viene comunicato nel seguente modo:
SS = Non-Carrier (non portatore)
Ss = Carrier (portatore)
ss = Affected (affetto)

LFS (Lavender foal syndrome)
Neuropatia del purosangue arabo di carattere ereditario autosomico recessivo, caratterizzata da una tipica colorazione del manto e da gravi sintomi neurologici, ad esempio opistotono, nistagmo o attacchi di crampi. I puledri colpiti muoiono spesso nell’arco di poco tempo oppure devono essere sottoposti a eutanasia.

Il referto del test LFS viene comunicato nel seguente modo:
N/N = Non-Carrier (non portatore)
N/LFS = Carrier (portatore)
LFS/LFS = Affected (affetto)

Requisiti dei campioni

Tutti i test sunnominati possono essere eseguiti sia su campioni di sangue che su campioni di radici di pelo della criniera o della coda.
Per effettuare il test si prega di spedirci, unitamente al modulo di richiesta compilato, 50-100 radici di pelo pulite, asciutte e inserite in piccole buste oppure 3-5ml di sangue in soluzione EDTA. Provvedere ad una chiara identificazione e/o marcatura dei campioni.
I campioni inviati verranno depositati in laboratorio per essere in futuro a disposizione per ulteriori test.

Modulo di domanda

Test della discendenza
PDF
Vari test del colore
PDF
Patologie ereditarie
PDF